“Megliounpostobello” ci aiuta a sognare ad occhi aperti

0
287
meglio un posto bello ! ScoprireCoseBelle

Qualche mese fa ho conosciuto Chiara, la creatrice di megliounpostobello.com, un blog all’interno del quale raccoglie le sue esperienze, i suoi momenti, i suoi attimi che ogni giorno rendono la sua vita spettacolare.

 

Ho deciso così di intervistarla, di capire meglio come fosse nata questa idea, e come oggi riesce a gestire i suo canali social, ma soprattutto come fa sempre a trovare “un posto bello” da raccontare.

 

Io che sono sempre alla scoperta di #cosebelle , spesso mi chiedo: come è possibile trasmettere positività ogni giorno? Siamo realmente così sempre?

Questi sono i miei interrogativi quotidiani, perché mi rendo conto che la vita ci serba sempre delle strane sorprese, nel bene e nel male. Ed è proprio da qui che son partita quando ho deciso di intervistare Chiara.

Lei è straordinaria ed infatti il suo pubblico è immenso. In tanti la amano.

Chiara, è così semplice, bella e spontanea. I suoi posti belli, oltre ad esserlo realmente, lo sono diventati grazie alle sue parole.

Ed io non aggiungo altro….

Buona lettura

Ciao, dimmi chi sei e di cosa ti occupi

Mi chiamo Chiara Cazzamali e sono una Blogger.

Come è nata l’idea di megliounpostobello?

L’idea mi è venuta rendendomi conto che nella mia vita di tutti i giorni e anche nella mia attività personale sui social cercavo sempre un piccolo posto, motivo, momento che fosse bello.
Per contrastare le piccole e grandi difficoltà della vita, quelle di tutti.
Mi sono anche accorta che facevo sempre le foto con una caratteristica: senza persone.
Ho pensato quindi, due anni fa, di razionalizzare il tutto in un contenitore.
È nato così il mio Megliounpostobello.

In cosa consiste la comunicazione dei posti belli che scopri? 

La comunicazione per me avviene per prima cosa con IG. Le foto parlano dei posti che trovo, che scelgo, che vivo. Le foto ci parlano tanto. E parlano tanto di noi. Le mie foto sono sempre senza persone.
I posti bastano da soli.
Credo molto nelle parole associate alle foto.
Parlo alle persone come se parlassi alla mia amica di una vita, con il cuore. Parlo di emozioni associate ai posti.

Il viaggio più emozionante che hai fatto?

Paradossalmente non ho viaggiato moltissimo e non lontanissimo. Credo molto nei viaggi sotto casa o in luoghi vicini.
Però, se devo dirti il più emozionante, ti dico senz’altro New York 2002.
Il primo volo transoceanico, la prima volta nella Grande Mela fino ad allora vista solo in televisione.
Un viaggio fatto pochi mesi dopo il crollo delle Torri Gemelle, non dimenticherò mai la paura, il fumo e anche il coraggio che si respirava a New York.

E quello che ti ha fatto venir voglia di ritornare nello stesso posto almeno due volte?

Le Maldive.
Ci sono stata una volta sola ma ci tornerei ogni anno.
E poi Londra: qui ci sono tornata tantissime volte.
Credo che un posto sia bello quando ci chiede di portare lì le persone che amiamo.
Foto di Chiara dal suo profilo IG